Dedicata a chi assiste i morenti

Ferito, mi rialzo

Colpito, non mi abbandono.

Posso deviare la freccia

che mi cerca ma non arriva al cuore.

Compagni vengono da lontano

ascoltano le mie parole

mi tendono la mano

alzano da terra il sole.

È un brivido, è un volo.

Non sono solo.

 

 

Zeta. Ricerche e documenti sulla morte e sul morire, n. 17-18, dicembre 1996.

Informazioni aggiuntive

  • Tipologia di testo: poesie pubblicate in quotidiani o riviste
  • Testata: Zeta. Ricerche e documenti sulla morte e sul morire
  • Editore: Istituto di Tanatologia e Medicina Psicologica
  • Anno di pubblicazione: n. 17-18, dicembre 1996
Letto 2540 volte Ultima modifica il Venerdì, 08 Marzo 2013 17:36