Formula 1

(C. Lolli – R. Roversi)

Fra il vento dagli occhi verdi

scherzano gli angeli curiosi

mentre vicino a una Ferrari colorata di rosso

un pilota mangia fragole al limone

raccolte in un fosso.

Ha scambiato il cavallo e la sella

con un motore da corsa potente

la prateria è un asfalto bollente

che ha in cima una pompa bianca di benzina

sotto il sole grande d’agosto.

Sono colorati i piloti di formula uno,

colorati come le ciambelle

le ciambelle che cuociono nel forno

verso mezzogiorno

e odorano di pane.

Sono giovani piloti di formula uno,

giovani come un cane o un’ape nel giardino,

che saltano quando spunta il giorno

per spegnere la notte

e il cielo sembra lì così vicino.

 

Il tempo è poco

il fuoco, il lago, il cielo,

un arcobaleno azzurro si è disteso

mentre offre una birra ghiacciata Villeneuve

che è vicino a un traliccio

e palpa il sole con le mani.

Correndo in prova è volato,

come uno straccio sul prato.

A 200 chilometri all’ora

nessuno lo ha fermato.

La vita è stata breve quest’anno

non spalerà più la neve.

Aspetto, aspetto,

aspetterò ancora.

Per svernare con amore

da tutti i giorni della vita

solo sulla mano

E una ragazza esce di corsa dalla porta

per strappare le penne al vento

e andarsene lontano.

Tutte le pecore ormai sono disperse,

di là dal ponte l’aria è piena di terra

mentre tra la polvere alta e il mare

passano rapidi i piloti uno per uno,

da Borzacchini a Villeneuve,

a Villeneuve…

Sono forti campioni di formula uno,

quando girano, girano, girano intorno

alla fitta siepe della gente impazzita

e chiusi dentro a una corazza

si giocano la vita.

Informazioni aggiuntive

  • Tipologia di testo: testi di canzoni
  • Anno: 1983
  • Stato: incisa
  • Album: Antipatici antipodi
  • Interpreti: Claudio Lolli
Letto 701 volte
Altro in questa categoria: « Trenta volte