Libreria Palmaverde

Libreria Palmaverde

(a Elena e Roberto Roversi)

 

L’uscio aveva lo sportello,

come le case contadine.

Incontrammo lo sguardo luminoso

di Roversi.

I libri volavano bassi

come rondoni,

un metro sopra la nostra testa,

liberi, ma di una libertà pavesiana,

condizionata dall’aria.

E lì imparammo

che ogni poesia è una piccola rivoluzione:

la poesia dei diavoli di Gebel,

richiamati in vita a danzarci intorno

da Santo Calì.

Imparammo a camminare a piedi,

avanti e indietro nei secoli,

perché la strada è del viandante

e il suo destino gli appartiene.

Informazioni aggiuntive

  • Autore: Antonio Catalfamo
  • Tipologia di testo: poesia
  • Testata: Frammenti di memoria, di Antonio Catalfamo
  • Editore: Nicola Teti editore
  • Anno di pubblicazione: 2009
Letto 958 volte